MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - è crashato quando ci hai provato

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“è crashato quando ci hai provato”
tavola #1279: è crashato quando ci hai provato

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
Piro: È un posto che… non potresti lasciare?
Miho: Non è una struttura di contenimento, Piro.
Miho: Posso andare e venire come voglio.
==== vignetta #2
Miho: È una specie di casa sicura, un posto dove posso andare quando ho bisogno di sparire per un po'.
Miho: Quelli nella mia situazione ne hanno bisogno, a volte.
==== vignetta #3
Piro: OK, allora perché stavano impazzendo tutti?
Piro: Te ne sei andata in fretta e hai dimenticato di firmare la dimissione? Lo hai fatto perché hai sentito che stavo arrivando?
Miho: Non sarei scappata per quello!
==== vignetta #4
Miho: Io…
Miho: Uh…
==== vignetta #5
Miho: A causa tua Sonoda mi ha trovata, mi ha trascinata fuori e mi ha gettata mezza nuda nel mezzo di una grossa folla di persone che mi “amano”.
Piro: Mezza… nuda?
Miho: Non sono mai stata tanto imbarazzata!!
Miho: Non avrei mai dovuto dirti come trovarmi. Sono un'idiota.
==== vignetta #6
Piro: Beh… se non volevi che venissi, avresti solo dovuto dirlo. Io—
Miho: Giusto, voglio evitarti cosí disperatamente che ho camminato fino qui da Denen Chofu.
==== vignetta #7
Miho: Dio, non posso credere che tu sia minimamente bravo in quei giochi.
Miho: Di certo fai schifo al mio.
==== vignetta #8
Piro: Non sto giocando un gioco, Tohya.
==== vignetta #9
Miho: Lo so.
Miho: È crashato quando ci hai provato molto tempo fa.

console

<legione>

Tutto questo "Evil Grin" mi si addice…

“Pesce d'Aprile”

Giovedì 2010-04-01

Dite la verità, ci siete cascati.
Avete pensato che davvero Yuki e Kobayashi- kun rischiassero di finire imprigionati per chissà quanto tempo nelle cantine del locale, per esserne tirati fuori solo quando dovevano fare un concerto per intrattenere la folla gotica della "Caverna del Male". Beh, rilassatevi, perché come potete vedere la vera storia prosegue in maniera più logica, senza inaspettati colpi di scena e pericoli imprevisti. È solo per stavolta che ho preso il filo della storia finora, e basandomi sulle vignette della tavola di oggi ho manipolato i dialoghi per fargli prendere una piega strana ma plausibile.
Non me ne vogliate, vi prego, se ho approfittato così della vostra fiducia: era già da un po' che non facevamo un bel pesce d'Aprile ai lettori, l'ultima volta era riuscito piuttosto bene, e invece l'anno scorso era saltato per mancanza di idee. Non vogliatemene nemmeno se ho dipinto Kenji come un uomo d'affari che pensa solo al suo locale, uno schiavista senza scrupoli. Come vedrete nelle prossime tavole non é una persona del genere. Non é certo un bravo boy-scout, ma nemmeno un criminale. Kenji é… fatto un po' a modo suo. Credo che prossimamente avremo modo di conoscerlo un po' meglio.

Nota 1: per gli inviti a recarmi in luoghi diversi dal presente, minacce di morte ed altre espressioni di affetto, gli indirizzi e-mail sono in fondo alla pagina.
Nota 2: se vi state chiedendo di cosa diavolo sto parlando, dovevate esserci 1° Aprile. Chiederò a chi di dovere di linkare la pagina così com'era allora.
Nota 3: l'immagine del rant rappresenta noi tutti. Largo è la faccia che avevo io a mezzanotte, Piro la faccia che avevate voi la mattina del primo. :D

Saluti!

<mornon>

“Raggiungere l'originale”

Venerdì 2010-08-20

Con questa uscita, siamo — nel momento in cui scrivo — a tre tavole di distanza dall'originale; l'aggiornamento diventerà quindi aperiodico — idealmente uno per ogni tavola pubblicata da Piro, tempo e risorse permettendo — con la versione italiana indietro di quattro o cinque tavole rispetto a quella originale.
Per tenervi aggiornati potete usare i feed, inseriti dal buon Lapo; quindi... continuate a seguirci, e alla prossima tavola!