MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - diverso, questa volta

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“diverso, questa volta”
tavola #1032: diverso, questa volta

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
semplicemente qualcuno: <È così difficile accettare la preoccupazione degli altri?>
==== vignetta #3
semplicemente qualcuno: <La morte non può essere fermata.>
semplicemente qualcuno: <Ma se dobbiamo, noi possiamo-->
==== vignetta #4
semplicemente qualcuno: <Ah. È uscita.>
semplicemente qualcuno: <Si sente meglio, signorina?>
==== vignetta #5
Kimiko Nanasawa: <S… sì, grazie. Spero di non star disturbando.>
semplicemente qualcuno: <Per nulla. Siamo lieti di essere al suo servizio.>
==== vignetta #6
Kimiko Nanasawa: <Tutti sembrano così occupati, ho cercato di pulire come meglio ho-->
semplicemente qualcuno: <Per favore, signorina, questo è un club, esistiamo per servire i nostri ospiti.>
==== vignetta #7
semplicemente qualcuno: <Quando avrà trovato qualcosa di Tohya che sia adatto da indossare, lo modificherò per adattarlo-->
Kimiko Nanasawa: <No! Per favore, non è necessario che abbiate altri problemi! Lo farò-->
==== vignetta #8
Miho: <Non è lo stesso.>
semplicemente qualcuno: <Signorina?>
==== vignetta #9
semplicemente qualcuno: <È diverso, questa volta.>
Miho: <Molto diverso.>

console

<lazyboy>

“Alfabestie”

Mercoledì 2007-06-06

Ok.
Wow.
E' un po' che non scrivo su queste pagine - saranno tre anni, almeno - e fa sempre un certo effetto. Quasi quasi mi commuovo ;_;
Ma torniamo a noi. Mi è stato gentilmente concesso questo spazio cosicché io possa portare avanti i miei biechi obbiettivi di spam.
Così come avevo avuto modo tempo fa, con Clem131 alias Cementino, di fare un po' di pubblicità attorno alla nascita del Covo degli Sbronzi, oggi posso farlo con la mia nuova creaturina, nata da solo pochi giorni (anche se, in realtà, si aggira nei meandri del mio pc già da un po'). Si tratta di un fumettino "sperimentale", rigorosamente in bianco e nero, i cui protagonisti sono le lettere dell'alfabeto (sì, insomma, la A, la B, la C ecc.), che come tutti quanti noi vanno in giro, discutono, litigano, si innamorano, si sbudellano. E siccome, sempre come noi, sono un po' bestie nell'animo, le ho ribattezzate Alfabestie.
Paradossalmente, pur essendo i personaggi la base del linguaggio scritto, ho deciso di fare a meno delle parole, così i dialoghi sono costituiti da semplici simboli. Questo, come vantaggio, rende il fumetto fruibile da una platea internazionale e, soprattutto, permette a una platea internazionale di ricoprirmi di insulti. Che è sempre un bel privilegio.
Detto questo, basta annoiarvi, vi invito semplicemente a buttare un occhio alle mie Alfabestie e, magari, anche a lasciare un commento, dicendomi cosa ne pensate.
Un abbraccio a tutti quanti (che sarete, adesso, molto più numerosi di quando pure io traducevo questo fumettone, quindi devo allargare le braccia).

<mornon>

Rat-Man

“Il ritorno”

Venerdì 2007-09-28

Agosto è andato del tutto e Settembre quasi completamente, ma finalmente siamo di ritorno! Riprende oggi la pubblicazione delle tavole, che speriamo proseguirà regolarmente con le consuete scadenze, anche se questo, onde evitare che si ripetano i problemi passati, sarà probabilmente legato alla regolarità di Piro. In ogni caso, per qualche tempo dovreste avere la vostra "dose settimanale" di MegaTokyo senza ritardi, quindi non preoccupatevi!
(Fate benissimo a chiedervi cosa c'entri Rat-Man; nulla in particolare, non sapevo che immagine mettere e quella mi piaceva. E cercando "ritorno" su Google tra tante mi ha dato quella. Inoltre, il fumetto ha da poco trattato ritorni.)