MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - EDB: Senza-alberi, Senza-vestiti!

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“EDB: Senza-alberi, Senza-vestiti!”
tavola #755: EDB: Senza-alberi, Senza-vestiti!

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #0
[nota]: Speciale avventure di vita reale di Piro e Seraphim! Senza alberi, senza vestiti!
==== vignetta #1
Seraphim: Recentemente, Piro e io abbiamo lavorato duramente per essere più coscienti riguardo all'ambiente.
Piro: Già! Mi piace il fatto che i miei patetici disegni non stanno uccidendo nessun albero, grazie al mio bloccoschizzi senza-alberi!
==== vignetta #2
Piro: Aspetta un minuto… Se non è fatto di alberi, di cosa è fatto?
Seraphim: Canapa.
Piro: C… canapa?
==== vignetta #3
Piro: Ho disegnato sulla droga!! Nooo!!!
Piro: Non voglio essere arrestato!!
Piro: Io… lo brucerò!
Seraphim: Come potete vedere, Piro soffre del fraintendimento comune che la canapa sia una droga illegale. Non lo è. Si trova solo nella stessa famiglia di piante di cui una lo è.
==== vignetta #4
Piro: Aah! Non posso bruciarlo, mi farebbe solo sballare!!!
Piro: Lo… Lo sotterrerò nel giardino dietro casa!
Piro: Ma se cresce? Noo!
Seraphim: La canapa è una fibra di campo molto versatile che è stata coltivata per secoli.
Seraphim: Può essere usata per fare ogni tipo di cose, come le corde, la carta, vernici, cibi…
==== vignetta #5
Piro: OK, andato. L'ho gettato oltre la palizzata nel giardino del vicino.
Seraphim: … e anche i vestiti!
Seraphim: Per esempio, la maglietta di Piro e i suoi calzoncini sono fatti di canapa!
Piro: C… canapa?
==== vignetta #6
Seraphim: Paragonata ad altre fibre, la canapa è più ecologica!
Seraphim: Ha bisogno di molta meno acqua, pesticidi, fertilizzanti ed erbicidi per crescere. Le fibre di canapa sono più lunghe, più resistenti e più assorbenti del cotone e del lino.
Piro: Aahh!! Ho addosso la droga!!! Noooo!!!
==== vignetta #7
Piro: OK, ho gettato anche quelli oltre la palizzata. Penso di essere al sicuro.
Seraphim: A dire il vero, anche i tuoi boxer sono fatti di canapa, tesoro.

console

<lapo>

“Lapo, quale è il tuo nome?”

Lunedì 2006-05-15

Stavo meglio prima.

Fin da quando sono nato ho avuto una serie di infiniti malintesi riguardanti il mio nome che, peraltro, a me piace moltissimo.
Dovete sapere che Lapo è un nome piuttosto comune a Firenze, mia città natale, ma già in altre zone della Toscana produce reazioni sul modello “Lampo, come il cane?”.
Alla tenera età di otto anni poi, quando mi sono trasferito a Milano, la situazione è notevolmente peggiorata… vi faccio qualche esempio:
  • “Come ti chiami?” - “Lapo Luchini” - “Quale dei due è il nome?”
    commento: ok, Lapo non è il nome più comune del mondo, ma in quale pianeta Luchini può sembrare un nome?
  • “Lapo, tu invece come ti chiami?” - “Lapo” - “No dai, intendo di nome vero!” - “Lapo” - “Ma no, dai, intendo proprio il nome di battesimo!” - “Ahhhh ok, allora la ruisposta è: Nessuno.”
    commento: non sono battezzato, sono discretamente anticlericale e ci godo abbastanza a rispodere alla maniera di Ulisse a chi crede che “di battesimo” sia sinonimo di “registrato all'anagrafe
  • “Ciao, io sono Lapo” - “Come?” - “Lapo” - “Dai, non scherzare.”
    commento: no comment
  • (mia madre) “Lapooo, vieni qua!” - (una sua amica) “Non chiamarlo così, altrimenti poi gli resta!”
    commento: no comment
Rari, davvero rarissimi e molto apprezzati, i casi di persone colte che rispondono in uno dei seguenti modi: Assolutamente scusato chi pensa che il sonetto sia contenuto nella Divina Commedia oppure chi non ricorda il cognome Gianni o altri particolari riguardante qualcuno che ha vissuto nel '200.

Quasi nessuno sa che tra l'altro la madre di Dante, di nome Jacopa, veniva usualmente chiamata Lapa.

Questa era la situazione prima del 10 ottobre 2005, giornata fatale che ha fatto conoscere il mio nome al pubblico.

Addio, “quale dei due è il nome?”, ben arrivate (no!) battute sulla “FIAT striscia”.
Addio, “no dai dico il nome vero”, ben arrivato (no!) “Ahahah, come quel drogato che si fa i transessuali, che buffo!”.
Addio, “Lapo che?”, benvenuto (no!) “sniiiiiiiiff”.

Stavo meglio prima.

Lapo Elkann, mi hai rovinato la vita. Dovresti ben sapere che “grandi onori comportano grandi responsabilità” e stare più attento a come ti comporti. Quantomeno in pubblico.

Fortuna che continuano ad esserci le persone colte che non si lanciano in stupidi battute che posso ben prevedibilmente non apprezzare (prima di fare una battuta “divertentissima” sul nome di qualcuno bisognerebbe prima valutare bene che dopo centinaia di volte potrebbe ben dargli più fastidio che divertimento).

<Kn03>

“6 / 6 / 6”

Martedì 2006-06-06

"Six... Six six, the number of the beast!" così il ritornello tanto famoso di una canzone degli Iron Maiden, giusto per celebrare una data strana, 6 Giugno 2006 ovvero 6/6/06 o 6/6/6 o 666 se preferite, il numero della bestia.
E ovviamente ci ha pensato anche il cinema a "celebrarlo", infatti oggi esce Omen nelle sale, un film sull'avvento dell'anticristo e il demonio...


Buona giornata >:D