MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - il mio coso figo!

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“il mio coso figo!”
tavola #289: il mio coso figo!

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
Erika Hayasaka: Il tuo che?
Largo: Il mio Coso Figo!!
==== vignetta #2
Largo: Vedi, è questo coso.
Largo: Ed è come… Figo.
==== vignetta #3
Largo: È luccicoso…
Largo: Ha varie parti che si muovono.
Largo: E fa delle cose.
Largo: Cose fighe!
==== vignetta #4
Piro: <Che… Cosa?>
Piro: <Tessere del treno?>
==== vignetta #5
Piro: <Io…>
Piro: <Io… Io ho dato una tessera a una ragazza una volta…>
Piro: <Solo una volta! Sembrava di corsa, e… e…>
==== vignetta #6
Piro: <Non intendevo dire nulla! Davvero!>
Largo: Uoo! Ancora b1rr4!!
==== vignetta #7
Largo: Sai, quando torniamo all'appartamento, sarei felice di mostrarti il mio Coso Figo.
Erika Hayasaka: Non credo proprio.
Erika Hayasaka: Ti prego, continua.

console

<lapo>

“¿Que pasa?”

Mercoledì 2004-06-09

Che succede?
Perché nno ci sono nuove vignette?

Molto semplice: dopo l'uscita di scena dell'attivissimo clem131 (che, ricordo, potete comunque trovare sul suo personale webcomic Covo degli Sbronzi) siamo parecchio indietro non con la traduzione, ma con il lettering!

Sì, direte voi: una volta tradotta una vignetta che cosa ci vorrà mai a metterla online?
Beh, a dire il vero molto poco, però perfino quel poco tempo non stiamo riuscendo a trovarlo, ultimamente.

Scusate, scusate, scusate.

Tra l'altro probabilmente questo sito cambierà presto macchina su cui viene ospitato (per un servizio ancora migliore) e ho io sul mio groppone buona parte del lavoro di "spostamento", il che non milgiora le cose.

Comunque varie cose bollono in pentola, aspettate ciduciosi e vedrete ;-)

Lapo

<Kn03>

“Un po' come Fight Club”

Mercoledì 2004-06-30

Non voglio dire, come potrebbe presumere il titolo, che per migliorarci dobbiamo distruggerci, ma che la vita è una battaglia, una guerra se vogliamo, alle volte, in primis con noi stessi...

La prima guerra che uno affronta è una sfida con sé stesso, e l'ultima lo sarà pure per rimanere in vita, tutte quelle che ci sono in mezzo possono essere sempre sia la prima che l'ultima, in ogni caso l'importante è combattere...

Con una piccola metafora bellica mi riferisco alle esperienze di ognuno di noi, esperienze che se sono positive non ci ricordiamo quasi mai, ma ricordiamo quelle negative... perché ci segnano, e sono quelle che ci fanno andare avanti...

Perché tutto questo criptico discorso sulle esperienze? Perché parlo di cose che importano a tutti e con cui tutti si scontrano.

^__^

Tornando a Megatokyo... ho letterato un po' stasera, ho esami in questo periodo quindi mi perdonerete se anche per colpa mia stiamo ritardando un po'...

AbbiatePazienza, grazie di cu...ore!