• English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)
“Brutti flashback”
tavola #8: Brutti flashback

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
Largo: Dimmelo ancora: PERCHÉ stiamo ANDAndo IN GIAPPONE?
Piro: TE L'HO DETTO. IL GIAPPONE È una vera MECCA PER I GAMER.
==== vignetta #2
Largo: Per i maniaci come te sicuramente, ma perché mi ci hai trascinato?
Piro: NON TI RICORDI NULLA DELL'ALTRA NOTTE, EH?
==== vignetta #3
Largo: Volete sapere cosa penso della vostra schifosa fiera? ecco cosa penso della vostra schifosa fiera!
gente: Oh mio dio!
Piro: LARGO, DAI, SCENDI… E RIMETTITI I PANTALONI.
gente: Aah!
==== vignetta #4
Largo: OH.
Piro: HO ANCHE PENSATO CHE FOSSE UNA BUONA IDEA FARTI LASCIARE IL PAESE PER UN PO'.

box delle news

console

<lapo>

“lettering, che mania!”

Mercoledì 2003-04-02

Eccoci qua al mio secondo rant. Di che parlare?
Ad esempio di tutto quello che mi sono dimenticato nel primo...

Ringraziamenti: in primis come scordare un ringraziamento a Fred Gallagher & Rodney Caston per aver creato il miglior fumetto online? E un ringraziamento anche al resto dello "staff MegaTokyo"... che un giorno Piro aggiornerà la sezione "credits" del sito e scopriremo chi sono 0=)

Volevo poi ringraziare:
  • Cikku per il fatto di non sapere l'inglese (voi non lo sapete, ma forse senza di lui probabilmente megatokyo.it non esisterebbe)
  • tutta IAF per aver risposto numerosi e con entusiasmo ai miei messaggi di annuncio di questo progetto ( ^_^""")
  • i 150 visitatori del giorno dell'apertura e anche le successive centinaia, non avrei mai pensato si potessero fare così tante hit con un sito appena nato... complice sopratutto il link da oop-ack (371 visite solo da lì, durante marzo)
  • Alex Dupre per aver risolto tutti i miei dubbi su PHP
  • il resto dello staff per quello che ha già fatto o che presto farà, in particolare Jastar per aver tradotto da solo quasi metà delle vignette per ora fatte

Font! Parliamo di font (sento la vocina "e perchééé?", beh - perché mi gira! ovvio... mica siete obbligati a leggere). Come mai il font usato su megatokyo.it (da ora in poi MTi) è così uguale al font usato su megatokyo.com (da ora in poi MT)? semplice: è lo stesso, l'abbiamo comprato apposta =)
Che dedizione alla 'causa', eh?
Sempre parlando di font è stata una faticaccia adattare il motore-lettering per supportare il cambio di font a metà riga, come succede nella vignetta 8... il rischio di non fare in tempo è stato Veramente Alto ^_^"""
Beh, meglio così, ora è tutta in discesa (o almeno: è quello che continuo a ripetermi).

Uff.
Avrei tanto altro da dire, ma.. che dire.. ho il blocco dello scrittore di rant 0=)

Alla prossima, gente.
ラポ

<jastar>

“Rotella, perline e conquistadores”

Lunedì 2003-03-24

Ogni volta che ci ripenso rimango affascinato e lievemente turbato: io (come molti altri) solo la vittima ideale in balia di un agguerrito team di pubblicitari e designer senza scrupoli.
Tutto è nato durante la creazione di questo sito e in particolare della stesura di questo rant di apertura. Io e Lapo stavamo guardando il .com per rendere questa pagina il più possibile simile all’originale, studiando l’ultimo rant di Piro.
Leggendo del suo ultimo acquisto e delle gioie che lo zio Mac gli sta dando, ho letto anche di LUI.
L’avevo visto anche sulla foto in cui troneggia il Powerbook, ma credevo fosse un accessorio dato dalla Apple in occasione del salasso abbinato all’acquisto di un loro computer.
E invece no… Un accessorio che ogni “utente partito per la tangente” (come me) vorrebbe: quella “rotella”, con la base di color blu cobalto radioattivo, mi ha stregato molto di più di ogni gadget di ThinkGeek, molto di più del Personal Password Manager e della pistola spara-anelli-di-fumo che solo Lapo avrebbe potuto comprare.
È un’idea semplice, pulita, accattivante, ma soprattutto è un oggetto assolutamente inutile. Nonostante tutto, probabilmente lo comprerò. Perché? Non ne ho idea. Mi piace esteticamente e so che, sforzandomi, troverò un utilizzo fantasioso.
Leggendo la recensione che Wired ha fatto sul PowerMate (questo è il suo nome), la moglie dell’ideatore racconta che “è la luce alla base dell’oggetto ad attrarre le gente” e “Le persone lo vedono brillare e pulsare sulla scrivania di qualcuno e vogliono capire che diavolo sia”.
Mi vengono in mente i conquistadores e le perline di vetro…

Cambiando argomento: spero che gradirete il nostro lavoro di traduzione di Megatokyo, perdonandoci eventuali inesattezze o libertà nella traduzione, e che vi divertirete nel leggere/rileggere questo fantastico comic.

Ora vi lascio, mi serve una carta di credito… Lapoooooo……
Have Fun