MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - Dormendo a terra

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“Dormendo a terra”
tavola #36: Dormendo a terra

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
Tsubasa: Okay. Ora devo dormire.
Largo: Perché stai ripiegando il tavolo?
Tsubasa: Perché è ora di dormire. Ci serve spazio per stendere i materassi.
==== vignetta #2
Largo: Vuoi dirmi che qui funziona così? Niente letti su cui schiantarsi?
Largo: E noi dove dormiamo? Per terra?
Piro: Amico, è un appartamento piuttosto piccolo.
==== vignetta #3
Largo: Toh, guarda. Una PlayStation 2.
Piro: Già… e ha anche "Dead Or Alive Hardcore"…
==== vignetta #4
Piro: Cioè… ti rendi conto che non abbiamo ancora dormito da quando siamo qui.
Largo: E allora? Dormire è roba da ufficio. I letti occupano solo spazio prezioso.
Piro: Il mio non l'ho mai usato. L'ho venduto per comprare il monitor.
Largo: Poi sono *io* quello che deve curarsi…

console

<lazyboy>

“Runt e uomini ombra”

Lunedì 2003-05-12

Alle volte mi convinco di essere l’uomo ombra di questo team traduttivo, nel senso che il mio contributo all’opera è ancora piuttosto oscuro… E’ proprio prendendo atto della mia tendenza all’inefficienza che gli altri traduttori, stamattina, mi hanno apostrofato: “Cazzo Lazy Boy, cerca di dare un significato alla tua esistenza: fa qualcosa, produci! E se proprio non vuoi metterti a tradurre le tavole, fa comunque qualcosa di semplice, chessò, scrivi un rant!” “Ehi ragazzi, andiamo! Ho un sacco di cose da fare, io… devo studiare, badare al mio sito, eppoi devo giocare al computer e leggere Linus, eppoi… eppoi devo…” (alla disperata ricerca di altre scuse) “Muoviti!!!”
E così, eccomi qua a cercare ispirazione ingurgitando Altoids, le caramelle alla cannella “curiously strong”, e ascoltando Think Tank, l’ultimo album dei Blur, quando mi accorgo che soltanto a scrivere di come mi sono ritrovato in questa situazione già sono a metà dell’opera.
Potrei a questo punto fare delle considerazioni sulla parola rant, di cui ignoro il significato (solo colui che ormai non è più dotato di una reputazione ammette candidamente la propria ignoranza…). D’istinto salta all’occhio (o meglio, all’orecchio) l’assonanza con il verbo rantolare, sebbene personalmente credo di poter escludere qualunque legame frai due termini. La seconda associazione a venirmi in mente è quella con la parola runt, usata da me ed i miei amici quando giochiamo a poker per definire una mano senza alcun valore (“Merda, ho un runt!”). L’occasione in cui più facilmente accade di ritrovarsi con un runt in mano è ovviamente quando si tenta di fare una scala.
Ma ho come l’impressione di stare nuovamente sviando…
In effetti potrei semplicemente mettermi a parlare di Megatokyo, ma probabilmente tutto quello che potrei dirvi lo trovate già nell’articolo di Clem. Posso solamente dirvi che condivido la battaglia di Largo contro il male e che di recente mi sono impegnato su questo fronte rigiocando Doom e Doom II: a parte essere stato colto da un attacco di nostalgia, quello che più mi ha stupito sono stati i limiti del gioco (con questa affermazione non voglio certo togliere nulla alla statura delle due opere della Id), come ad esempio il fatto (non me ne ricordavo…) che non si può saltare!
Sto nuovamente andando fuori tema, quindi mi sa che è meglio se concludo su questa nota nostalgica…

<briareos>

“I Want Happiness”

Venerdì 2003-05-09

Orbene… cosa dire nel primo rant? La buona educazione spinge a presentarmi, ma credo dal nome e da i crediti sparsi per la pagina abbiate capito chi sono, quindi direi di passare a… ma certo, quale posto migliore di una colonna di testo che nessuno leggerà per lamentarsi della vita? Non credo che ce ne siano, quindi dovrete sorbirvi un po di caratteri un cui vi tedierò con le mie sventure.
Prima di tutto dovete sapere che il mio secondo imperativo morale è la legge di Murphy, per chi non se la ricorda, "tutto ciò che può andare storto, andrà storto"; il terzo imperativo morale è "Murphy era ottimista". Sconcertati? Intristiti? Suicidati? Beh, allora sorvoliamo sul primo… il fatto è che queste tre regole si manifestano in tutta la loro simpatia quando uno se le scorda per un nanosecondo. Infatti, a metà d'Aprile, s'è cominciato col bollo della macchina, con la revisione biennale della stessa, un'ADSL che ancora adesso non sa se andare o no, un contratto lavorativo che scade a Giugno senza certezze di rinnovo, un altro ciclo solare per il sottoscritto e quella che è la fonte di preoccupazione per ogni maschio italiano maggiorenne, ossia il servizio militare. Beh, è solo la visita, però è una cosa che mi ha letteralmente distrutto, considerando che stavo decollando come grafico freelance (oltre al già citato contratto), è proprio una bella seccatura; senza contare che il 60% delle persone che conosco o lo ha gia fatto o per motivi più disparati è esonerato.
Ma passiamo a cosa più piacevoli… probabilmente quando leggerete queste righe sarò gia tornato da Torino Comics dove spero di aver trovato il tessssoro, ossia un'edizione limitata di Der Mond da 200 euro… no, non sono pazzo, sono quello che in Giappone (per rimanere in tema) verrebbe chiamato otaku. Spero anche di trovare una copia di Ikaruga per il mio Cubo, sebbene abbia la versione JAP per Dreamcast… eh si, oltre a manga ed anime mi piacciono pure i videogiochi, passione che ha avuto un'impennata paurosa da quando ho uno stipendio e sopratutto dopo che la Nintendo ha prodotto il GameBoy Advance SP, vera manna per chi come me deve farsi ogni giorno 3 ore di mezzi pubblici tra andata e ritorno dal lavoro. Anzi, a ripensarci bene è stato l'acquisto peggiore della mia carriera videoludica, mi era gia capitato di farmi dei piccoli after per giocare a qualcosa ma mai su uno schermo 320x240, ne che avrei perso non di una, nemmno di due, ma ben tre stazioni, giocando a qualcosa… non che mi sia dispiaciuto, quella provvidenziale "svista" mi ha permesso di finire Golden Sun , JRPG che a ben vedere mi ha preso alquanto, però tornare a casa un'ora e mezza dopo l'orario normale non fa mai bene (sopratutto quando l'orario normale sono le otto di sera)… ma per il denaro questo ed altro.
Adesso, con le dolci note di Chaos Rising in sottofondo, ritorno ai miei doveri di collaboratore del sito… al prossimo rant, gente.