MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - piccoli pezzi di plastica

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“piccoli pezzi di plastica”
tavola #252: piccoli pezzi di plastica

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
Dom: Questo è l'ultimo posto in cui mi aspettavo di trovare Largo.
Dom: Mi chiedo a quale imbroglio stia lavorando questa volta.
==== vignetta #2
Dom: È stato sorprendente quando gli studenti lo hanno riconosciuto nella foto.
==== vignetta #3
Dom: Mi piacerebbe sapere cosa ti ha fatto pensare che l'avremmo trovato in questa particolare scuola…
==== vignetta #5
Ed: Bene, bene… il prototipo EDS mancante.
Ed: I ragazzi al laboratorio erano abbastanza turbati quando sei scomparsa.
==== vignetta #6
Ed: Ah, grazie per esser entrata in rete.
Ed: Ha reso il mio lavoro molto più semplice.
Ping: <Mi scusi, non capisco cosa sta dicen…>
Ed: Allora, vuoi tornare indietro intera…
==== vignetta #7
Ed: O in piccoli pezzi di plasti ca?
Ed: Entrambi i modi mi vanno bene.
==== vignetta #8
Ping: <Eep!>
==== vignetta #9
[nota]: Modo: automatico Rilevata minaccia livello 3
==== vignetta #10
Ping: <Non so cosa vuoi, ma non ti permetterò di fare del male a Tohya-san!!>

console

<lazyboy>

“Filofobia - Entrée du port.”

Martedì 2004-04-06

Il 28 marzo è uscito per un'etichetta indipendente il primo album dei Filofobia, Entrée du port.
Perché ne scrivo, chiederete voi? Beh, di certo non voglio mentirvi: la ragione principale è che il chitarrista dei Filofobia è Jacopo Ponticelli, mio amico ed ex compagno di università, ottimo strumentista, geniaccio nello studio, bravo calciatore, bel ragazzo, ed oltretutto fa pure un'ottima carbonara (no, ragazze, mi spiace, da quanto ne so attualmente è impegnato, quindi giù le mani!).
Ma c'è anche un'altra ragione, ed è che i Filofobia (originari di Arezzo) sono un'ottima realtà emergente nel panorama musicale italiano, hanno le potenzialità per crescere e sono sicuro che lo faranno.
Solo che emergere dal magma della pastosa discografia italiana è ben difficile, ed è quindi un dovere supportare le band nascenti: il mio invito è quindi quello di devolvere 10 euro (tanto è il costo dell'album, se non erro) alla causa dei Filofobia. Il disco lo trovate in alcuni negozi, ma credo non sia così facile; ragion per cui se volete tagliare la testa al toro potete ordinarlo direttamente sul loro sito.
Ma, a questo punto, sarebbe necessario parlare un po', di questi Filofobia. Il mio amico Manfredi li descrive così: "Parte strumentale alla Pink Floyd, parte vocale tipo Marlene Kuntz". Qualcosa di vero in questo bizzarro accostamento c'è, ed io aggiungerei pure che assomigliano anche a dei Radiohead un po' più cattivelli.
Vabbè, scusate per la recensione di merda, ma vi assicuro che i Filofobia sono degli ottimi musicisti, e comunque qualcuno dei loro pezzi lo potete ascoltare sul loro sito, con buona pace mia e di Manfredi.
Vi giuro che se acquistate Entrée du port poi Jacopo viene a casa vostra a cucinarvi una carbonara ed intrattenervi con una chitarra acustica mentre mangiate.

<clem131>

“WackomWackomWackom!”

Venerdì 2004-04-16

Parafrasando uno dei miei personaggi preferiti del Muppet show, l'orso cabarettista Fozzie, direi WackomWackomWackom! Spiegazione. WackaWackaWacka era l'esclamazione tipica di Fozzie, mentre Wacom è una marca di tavolette grafiche, anzi, l'unica marca di tavolette grafiche decenti esistente al mondo. Messe insieme, le due cose producono un WackomWackomWackom di gioia ed esaltazione. Chi non ha capito è coglione. Fine spiegazione. Ho trovato, tramite un conoscente traduttore di Megatokyo in italiano (nello specifico Briareos), una fantastica A4 Wacom deprezzatissima superfiga in ottime condizioni. In pratica è un coso su cui muovi una penna ed il mouse si muove accordingly sullo schermo. Questo proprio semplificando a mille. Senza semplificare a mille, posso solo rimandarvi all'immagne associata a questo rant, la cui originale si trova sul mio account su deviantart, su cui trovate anche i quadri esposti al covodeglisbronzi nella tavola odierna.
Dovrei aver già parlato di deviantart ma non finirò mai di ripetermi, andate a farci un giro! Vale la pena! Bene, visto che tutti mi rimproverano l'eccessiva lunghezza dei miei rant ne ho fatto uno a misura Lazyboy, contenti :P?
Ah, passate a vedere la sezione del CDS denominata Il Covo in Realtà... ci son su un po' di foto interessanti! ^_^
Pie Pie!