MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - SU: Il Monastero Segreto del Webcomic-fu

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“SU: Il Monastero Segreto del Webcomic-fu”
tavola #209: SU: Il Monastero Segreto del Webcomic-fu

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
?: "Quando Piro non c'é…"
?: Quando talvolta gli artisti di Webcomic svaniscono, con il sommo dispiacere dei loro lettori, non è perché stanno facendo i pigri… No, la verità è molto ma molto più strana.
?: Ogni qualche mese, questi pionieri dell'intrattenimento digitale si ritirano su una remota vetta delle Ande…
==== vignetta #2
[non è un fumetto]: Qui, gli accoliti si allenano nelle arti del fumetto, cose del tipo… Gestione del personale!
Piro: Quindi ricordate, se non siete d'accordo con il vostro sceneggiatore, annuite, sorridete e ignorate tutto ciò che dice.
Piro: Se vi aiuta, visualizzatelo come un melone.
==== vignetta #3
?: Design del personaggio!
Piro: No NO! Deve sembrare più vulnerabile e senza speranze.
Piro: Inoltre, aggiungi più neve.
==== vignetta #4
?: Meditazione!
Piro: E ora eseguiamo il primo kata.
semplicemente qualcuno: "Ultimamente ho avuto qualche difficoltà a seguire il fumetto. Sento come se stesse diventando più difficile sviluppare i personaggi e allo stesso tempo rimanere fedele allo spirito della battuta…"
==== vignetta #5
?: E ovviamente… Coltivare un gruppo di fan!
Piro: Solo quando riuscirete a vincere in combattimento contro una mandria di scimmie sarete davvero pronti ad amministrare il vostro forum.

box delle news

logo Nuvole Elettriche
(19 Novembre 2018) L'ultima tavola.
(19 Novembre 2018) L'ultima tavola.

console

<Kn03>

Ride on Shooting Star

“Quick Lettering”

Martedì 2004-02-24

Esecuzione di questa sera:
apro MTi, pensando, vediamo un po' a che punto siamo arrivati con le vignette che è un po' che non controllo....

TASK:
Kn03.MTi.read(TRUE);

Out:

Fatal Exception: Can't go thru lineread(208) no strip translated;

In quel momento ho avuto un task di allarme attivato che sulla finestra di ICQ di LAPO più o meno ha suonato così:

Kn03 (0.06) :
*corre ai ripari...*
Kn03 (0.13) :
AAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHH!!!! 208 non LETTERATA ONLINE!!!! CAZZOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!
Kn03 (0.13) :
ALLARME ROSSOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!
drBrain (0.13) :
DOH?

Ora... dopo tutto questo il mio cervello ha attivato le funzioni di emergenza:

Kn03.MTi.write.EmergencyLettering(TRUE++);

Out:

Lettering Done!

Ecco cosa succede quando passi troppo tempo con i linguaggi OOP o ne sei ossessionato semplicemente...

Il mio ovviamente è il secondo caso...

Ah, per chi non lo sapesse, non esiste nessuna costante Booleana TRUE++, ma siccome il mio cervello ha le sinapsi che non funzionano solo come ACCESO/SPENTO ma anche come QUASI ACCESO/QUASI SPENTO e A META' può esserci anche lo stato FOTTUTAMENTE ACCESO! e DANNATAMENTE SPENTO...

Lo stato TRUE++ vi lascio indovinare a quale dei due si riferisce :D

Have a Nice Java Day

PS: Dimenticavo che la letterata di stasera è stata supportata da una buona dose di Heavy Metal, mi hanno accompagnato in ordine sparso: Gamma Ray, Judas Priest, Iron Maiden, Metallica. ^_^


<clem131>

“Saint-Exupéry”

Martedì 2004-02-24

"Sono una volpe", disse la volpe.
"Vieni a giocare con me", le propose il piccolo principe, "sono così triste..."
"Non posso giocare con te", disse la volpe, "non sono addomesticata".
"Ah! scusa", fece il piccolo principe.

Ma dopo un momento di riflessione soggiunse : "Che cosa vuol dire 'addomesticare' ?"
"Non sei di queste parti, tu" , disse la volpe, "che cosa cerchi ?"
"Cerco gli uomini", disse il piccolo principe. "Che cosa vuol dire 'addomesticare' ?"
"Gli uomini", disse la volpe, "hanno dei fucili e cacciano. E' molto noioso ! Allevano anche delle galline. E' il loro interesse. Tu cerchi delle galline ?"
"No", disse il piccolo principe. "Cerco degli amici. Che cosa vuol dire 'addomesticare' ?"
"E' una cosa da molto dimenticata. Vuol dire 'creare dei legami'..."
"Creare dei legami ?"
"Certo", disse la volpe. "Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo".
"Comincio a capire", disse il piccolo principe. "C'è un fiore ... credo che mi abbia addomesticato..."
"E' possibile", disse la volpe. "Capita di tutto sulla Terra..."
"Oh ! Non è sulla Terra", disse il piccolo principe.

La volpe sembrò perplessa: "Su un altro pianeta ?"
"Sì".
"Ci sono dei cacciatori su questo pianeta ?"
"No".
"Questo mi interessa ! E delle galline ?"
"No".
"Non c'è niente di perfetto", sospirò la volpe.
Ma la volpe ritornò alla sua idea: "La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio perciò.
Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi faranno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda ! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano ? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste ! Ma tu hai dei capelli color dell'oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano...".

La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe:
"Per favore...addomesticami", disse.
"Volentieri", rispose il piccolo principe, "ma non ho molto tempo, però. Ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose".
"Non si conoscono le cose che si addomesticano", disse la volpe. "Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami !".
"Che bisogna fare ?", domandò il piccolo principe.
"Bisogna essere molto pazienti", rispose la volpe. "In principio tu ti sederai un po' lontano da me, così, nell'erba. Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po' più vicino...."

Il piccolo principe ritornò l'indomani.
"Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora", disse la volpe. "Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità ! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore... Ci vogliono i riti".
"Che cos'è un rito ?", disse il piccolo principe.
"Anche questa è una cosa da tempo dimenticata" , disse la volpe. "E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore. C'è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso ! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza".