MegaTokyo - rilassati, t1 capiamo - Guest Strip: Bad Boys of CS

  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français
  • Nederlands
  • Suomi
  • Polski
  • Norsk
  • Interlingua
  • Srpski
  • Español
  • Português (Brasil)

“Guest Strip: Bad Boys of CS”
tavola #117: Guest Strip:  Bad Boys of CS

storyboard

clicca per espandere ==== vignetta #1
Piro: Invece di prendermi un giorno di pausa, ho pensato di guidarvi per le versioni alternative di MegaTokyo che sarebbero venute fuori se non fosse stato per me…
==== vignetta #2
Dom: Okay, il nome del fumetto sarà "Mega Orochi Blood Riot!" La nuova star, nonché interprete unico sarà Kyo Kusanagi!
==== vignetta #3
Largo: Ah, birra. Dolce nettare divino. Cullami fino a quando Neverwinter Night non verrà rilasciato.
==== vignetta #4
Piro: E, in pieno stile MegaTokyo, introduciamo una nuova splendida ragazza su cui gli utenti del forum faranno infinite speculazioni prima ancora di conoscerne il nome.
?: Ohayo!

box delle news

logo Nuvole Elettriche
(19 Novembre 2018) L'ultima tavola.
(19 Novembre 2018) L'ultima tavola.

console

<clem131>

“gee!...”

Lunedì 2003-09-29

...pronunciato Gii.
La fisica Sanitaria è vasta e interessante, ed io continuo a ripetere e a trovare argomenti che non so bene, e così ristudio e riripeto, e ririristudio e così via.
Mah.
Sperèmm.
A parte questo ultimamente io e lazy ci sentiamo molto creativi e ci siamo messi a preparare il sito per il nostro webcomic prossimo venturo. Ebbene sì, quando sui forum di Megatokyo.it ho pubblicizzato le avventure di Cementino e Golosino ero realmente intenzionato a farlo, e il buon lazy si è adoperato come non mai, temo dovrà cambiare nick per soverchia attività negli ultimi tempi.
Svelerò un segreto di anteprimissima: sono pronte le prime due vignette della prima tavola :)!
Considerando che ci metto una ventina di minuti a farne una, credo che almeno all'inizio ci manterremo su una tavola settimanale, ma il sito di Cementino e Golosino sarà anche molto di più delle semplici vignette amatoriali che so disegnare io. Ci sarà l'Alcoorner, la rubrica A Pub's Life, tante altre belle cosine per gli amanti del... come posso dire? Gli amanti della vita notturna? Troppo "Non è la Rai" come definizione... amanti del divertimento in compagnia? amanti dell'alcool?
Nessuna di queste definizioni sarebbe appropriata, ciascuna sarebbe in grado di raccontare un unico aspetto della faccenda.
Perché il Covo degli Sbronzi, di per sè, è un localino normale e pure minuscolo, niente di particolare. Situato in una zona di Milano che presto conoscerete grazie alla rubrica sul sito di Cementino e Golosino, è dotato di una picocla vetrata, un bancone, ed in tutto 6 tavolini.
MA.
C'è il fatto che conosciamo i gestori, coi quali siamo in rapporti amichevoli (diciamo soprattutto visto il conto che gli paghiamo ogni volta...emh, scusate, telefono..)(era l'avvocato del mio fegato. Vuole divorziare). I due sono simpaticissimi, se non sbaglio napoletani, e servono birra doppio malto ben carica, metafisico assenzio, cocktail a regola d'arte...
MA.
C'è il fatto che in rapporti amichevoli coi gestori sono anche altri clienti, una varia umanità, dai membri della corte dei miracoli di Parigi a stimati avvocati con interessi in fisica teorica, arrivando a cloni di Carlo Marx nel corpo e nella ideologia, accenti multietnici, dialetti spinti e disquisizioni alcooliche tra clienti, baristi, altri clienti, altri baristi, clienti di passaggio, clienti fissi.
MA.
C'è il fatto importante che ho conosciuto questo locale nel periodo più caldo di tesi e scoutismo, quando il venerdì sera era l'unico spiraglio sui cazzi miei che mi fosse rimasto, e che ho scoperto l'amicizia di Golosino/Lazyboy proprio dietro quei tavoli, accanto a quel bancone, bevendo proprio quella birra. E mi sono sentito proprio bene, rilasato, svuotandomi di problemi di fisica e di scout, sputandoli sul bancone ed affogandoli nel boccale pieno. Li ho passati al tritacarne e ne ho fatto uscire idee e creatività per la fisica, per gli scout e per il disegno.
MA.
E poi c'è il clima dentro che si fonde con tutti questi elementi, diverso dal clima degli altri locali di Milano, dove sei un consumatore puro, o se va bene un cliente. Al Covo si è tutti membri dello stesso circolo alcoolico culturale, si è tutti amici, e soprattutto ci si sente ospiti di Enzo il barman.
Il Covo degli Sbronzi è una istituzione.

Ed ora, BRINDIAMO!

MA.

A cosa brindiamo?








...
ci penseremo domani :)!
a presto su C&G e a domani qui su MTi.

<lazyboy>

“Mi sono innamorato del mostro dei biscotti”

Martedì 2003-09-23

Fino a pochi giorni fa avevo solamente una vaga idea di cosa fosse Sesame Street.
Sapevo che è uno show televisivo di pupazzi simile ai Muppets, ma nulla di più.
Poi, più o meno casualmente, mi sono imbattuto sul sito dell’etichetta discografica Ninja Tune in quest’immagine che ho messo in cima al rant. E’ così che ho scoperto dell’esistenza del Cookie Monster, il mostro dei biscotti…
Già solo a vederlo così, con questa sua espressione a metà fra l’inebetito e il gioioso (solo dopo ho capito che il motivo della sua genuina felicità era il grosso biscotto che stringeva in mano), me ne sono innamorato. Voglio dire, guardatelo… è troppo rassicurante nella sua autentica semplicità blu.
Così mi sono messo a fare un po’ di ricerca su Google e ho scoperto qualcosa di più su questo curioso personaggio.
“Emozionalmente, fisicamente e spiritualmente legato ai biscotti”, così ci viene presentato sul sito ufficiale della serie. Una persona così, che riesce a trarre tanta gioia da un semplice biscotto, deve avere capito veramente qualcosa della vita. Questa capacità di emozionarci per così poco, forse l’abbiamo un po’ persa. Sul serio, credo davvero che un po’ tutti noi abbiamo qualcosa da imparare dal mostro dei biscotti.
Con questo, onestamente, avrei finito il rant di oggi, ma confrontandolo con quello qui affianco dovrei vergognarmi e trovare un qualche modo per diluirlo e farlo quantomeno sembrare di una lunghezza adeguata.
Ma, seguendo l’insegnamento del Cookie Monster, mi accontenterò di quel poco che ho, una manciata di righe, e sarò ugualmente felice di me.